Cosa è il Paintball

Il paintball è un attività bella ed adrenalinica. Per praticarla è necessario munirsi di un fucile ad aria compressa, di una protezione per gli occhi e di pallini di vernice.

Generalmente il paintball si pratica su terreno pianeggiante nel quale vengono inseriti dei gonfiabili posti in modo strategico, tuttavia si può anche giocare in ambiente boschivo o con vegetazione bassa.

Come si vince a paintaball

Il gioco consiste nel colpire tutti gli avversari ed eliminarli dal campo, tuttavia esistono anche altri modi per vincere. Si può conquistare la base nemica, si può conquistare una bandiera o una postazione. Comunque, come in ogni altro sport di questa tipologia, la fantasia aiuta molto nel creare nuove modalità di gioco.

I pallini del paintball

I pallini sono a base di vernice biodegradabile e possono avere una grammatura variabile tra i 0.12gr gli 0.30 gr.

Chiaramente più si eleva la grammatura, più cresce la potenza e la precisione, ma anche il costo. Questo porta chi noleggia l’attrezzatura ad fornire spesso pallini più leggeri. L’obbiettivo ovviamente è il risparmiare anche a costo di inficiare la precisione e la gittata dell’arma stessa.

Ovviamente in Italia il limite del peso dei pallini è dato anche dall’imposizione di potenza (inferiore ad 7.5 Joule).

Le regole del paintball

Chi viene colpito ha un bel segno di vernice addosso, e ora, semplice deve smettere di giocare, game over, fine, deceduto!

Questo è molto bello dal lato realistico, anche se per esserlo del tutto manca tutto il resto, il rinculo dell’arma, il suo peso, ecc.

Nel paint non è possibile ripartire dal Respawn, rigenerarsi o contare fino 10 secondi ecc, ecc, quando si viene colpiti si va fuori e stop. Al massimo nella seconda partita, qualora la prima finisca molto in fretta, se c’è tempo potrà giocare con una vernice diversa.

Va considerato che, qualora si noleggi l’attrezzatura o si aspetti tutta la settimana per fare un game, uscire subito e non poter rientrare, può voler dire fare poca esperienza e buttare via tempo e denaro.

Quanto tempo dura una partita di paintball

In genere la partita dura 1 ora, ma finisce prima quando l’ultimo giocatore della squadra avversaria viene colpito oppure viene conquistato l’obbiettivo. Questo vuol dire che dipende anche da quanto si è bravi.

Le giocate sono adrenaliniche, e ogni tanto qualcuno necessita di una pausa. Ma vale la pena considerare anche il tempo effettivo di gioco, ovvero il tempo reale di gioco che ognuno fruisce. Infatti quando si viene eliminati si può solo stare a guardare chi ancora sta giocando.

Potrebbe essere considerato come un difetto nella perfezione del gioco.

Per ovviare a questo problema, nel softair per esempio, è stato introdotto un punto di rientro noto come respawn. Chi viene colpito può rientrare da tale posizione in genere dopo una piccola penalità, ma alle volte immediatamente. In questo modo il tempo di gioco coincide con il tempo della partita (in genere almeno 3 ore) e si fruisce anche di piccole pause per recuperare. Questo ha abbassato di molto la percentuale di persone che non dichiarano il colpo per paura di smettere di giocare.

Il fucile da paitball

La normativa Italiana prevede che il fucile da paintball abbia un energia inferiore a 7.5 Joule di potenza.

I fucili da paint sparano pallini di vernice, a differenza di quelli da softair che non sporcano ma vengono sparati a 1 Joule di potenza massima. Per quanto riguarda il dolore, che dire… chi lo ha provato consiglia di coprirsi bene 😅

Per poter essere precisi e non superare la potenza di legge, la gittata non è delle migliori e si attesta al massimo intorno ai 35 metri.

Parlando di gittata e la precisione, le armi da paint non hanno meccanismi hop up e quindi non permettono di regolare il tiro in altezza, altro motivo che ne riduce la gittata.

Parlando di peso, il fucile da painball è molto leggero, assimilabile quasi a ad una pistola da softair, sport nel quale invece i fucili hanno un peso quasi realistico.

Confronto fucile paintaball con fucile softair

PAINTBALL

SOFTAIR

  1. Costo elevato anche per i fucili base più di 3 volte quelli da softair
  2. Pallini molto costosi per via della loro fattura 5000 dai 55 €
  3. No problemi meccanici, solo guarnizioni di tenuta
  4. Leggerezza
  5. Maneggevolezza
  6. Nessun rinculo
  7. Impossibilità di regolare il tiro in altezza
  8. Nessuna regolazione laterale
  9. 7.5 joule di potenza
  10. Scarsa gittata (circa 35 mt)
  11. Ci si sporca molto
  1. Costo molto contenuto per i fucili di gamma più bassa
  2. Pallini molto economici 5000 = 7.50 €
  3. Meccanica ed elettronica customizzabile e da tenere sotto controllo
  4. Peso più elevato, molto simile ad un arma reale
  5. Tiro più preciso collimando le tacche di mira o installando un mirino
  6. Alcuni modelli simulano il rinculo reale
  7. meccanismo hop up per regolare il tiro in altezza
  8. Possibilità di regolare il tiro di lato con appositi mirini o tacche di mira
  9. 1 Joule di potenza
  10. Alta gittata 50 mt per un tiro molto preciso (15 cm diam), fino ai 70mt
  11. Non ci si sporca

Questi forse sono i motivi per cui il paintball non riesce a prendere molto piede in Italia, mentre in altri stati aiuta tantissimo la possibilità di incrementare la potenza e quindi la gittata del tiro.

Costi noleggio paintball

Abbiamo dato uno sguardo sia al costo dei pallini che al costo del fucile. Tuttavia esiste anche la possibilità di noleggiare l’attrezzatura per fare un esperienza una tantum con gli amici.

Il costo medio per una partita di paintball si aggira intorno ai 20 €/ora e prevede che venga fornita la seguente attrezzatura

  1. Il marcatore (fucile)
  2. I pallini, il cui numero può variare, ma in genere si attesta intorno ai 200 ogni ora
  3. Una maschera protettiva

Il costo medio per una partita di softair, invece si aggira intorno ai 6 €/ora e prevede che venga fornita la seguente attrezzatura

  1. Fucile semiprofessionale
  2. 700 / 1000 Pallini a partita
  3. Occhiali protettivi
  4. Mimetica